Piano Territoriale di Coordinamento della Provincia di Foggia (PTCP)

logo PTCPLa difficile ricerca di un assetto territoriale che favorisca il benessere sociale ed economico, senza produrre ulteriori squilibri con il contesto ambientale, richiede scelte radicalmente differenti da quelle del passato.
L’efficiente utilizzo del patrimonio edilizio e infrastrutturale esistente e l’obiettivo del minor consumo di suolo costituiscono la premessa e la cornice in cui si colloca il Piano Territoriale di Coordinamento della Provincia di Foggia (PTCP): un nuovo piano di riferimento per selezionare, promuovere e attivare le iniziative della Provincia e degli enti locali, coordinando le iniziative locali e integrando la pianificazione territoriale, le pianificazioni di settore e la programmazione socio-economica.

 

Affinché la Provincia possa emanciparsi e fare fronte ai segnali di declino, è infatti necessaria una strategia unitaria che sia strettamente coordinata con le iniziative regionali e nazionali in un’ottica di piena ed effettiva collaborazione. Dai trasporti alla rete ecologica, dalle politiche per il turismo a quelle per l’agricoltura, dalla produzione dell’energia allo smaltimento dei rifiuti, non c’è settore dove non sia necessario agire in modo coordinato, facendo convergere gli sforzi di tutti verso obiettivi il più possibile coerenti fra loro.

 

Al contempo, il mosaico di aree che compongono la Provincia deve informare le strategie del PTCP, alimentando un rapporto virtuoso tra le realtà locali e la Provincia nel suo complesso. Attraverso il Piano s'intende favorire un rapporto di collaborazione più stretta tra enti locali, sia sviluppando iniziative promosse alla scala locale, ma coordinate e messe in rete al livello provinciale, sia concepite unitariamente, ma declinate, specificate e arricchite alla scala locale.

 

È infine necessario “aprire all’esterno” le politiche di governo del territorio: da un lato occorre allargare lo sguardo oltre i confini provinciali per connettere le scelte provinciali con la pianificazione regionale e nazionale; dall’altro lato, occorre:

  • incentivare e stimolare la cooperazione dei Comuni per formare "agende" condivise di progetti
  • assicurare il coordinamento delle iniziative settoriali promosse dalla Provincia e dagli altri enti pubblici
  • promuovere la formazione di progetti integrati con cui specificare localmente le scelte previste da Regione e Provincia.

 

Conferenze, accordi e intese non possono e non devono essere momenti rituali. La capacità di trovare soluzioni concrete ai problemi specifici evidenziati nel PTCP e non riconducibili agli ambiti e ai settori di competenza dei singoli soggetti, sarà il vero banco di prova per misurare l’efficacia di queste forme di co-pianificazione.